top of page
  • Immagine del redattoreLuca Baj

Regole di Autodisciplina dei soggetti emittenti: Vincolanti come le norme di legge


La Cassazione, con la sentenza n. 5/2019, ha stabilito che, per gli emittenti, sono cogenti anche i regolamenti interni adottati e comunicati al mercato, nonché le norme di autodisciplina se maggiormente stringenti rispetto alle disposizioni di carattere generale dettate dall'ordinamento. Per la Suprema Corte sono da «considerare cogenti, per la società, anche le norme di autodisciplina previste da disposizioni interne, ancorché maggiormente stringenti rispetto alle disposizioni di portata generale poste dalla legge, dalle fonti regolamentari o dai codici di autodisciplina». Ciò in quanto, ad avviso della giurisprudenza di legittimità, «nel momento in cui la società, all’esito di una scelta del tutto libera, decide di adottare norme di condotta aziendale e di estrinsecare tale decisione al mercato, è infatti vincolata alla loro osservanza, rappresentando la scelta di cui sopra una volontaria autolimitazione da parte dell’operatore del mercato». Sussiste una « differenza tra il contenuto del controllo demandato alla società di revisione, sostanzialmente limitato alla regolarità del bilancio e dei conti ad esso presupposti, e di quello affidato invece al collegio sindacale, da ritenere maggiormente incisivo e stringente perché avente ad oggetto, in termini generali, la corretta gestione della società, non soltanto sotto il profilo amministrativo-contabile, ma anche con riferimento alle scelte gestionali, alla loro coerenza rispetto allo scopo sociale, alla condivisibilità delle singole operazioni poste in essere dal CdA e dagli altri organi di gestione della società, anche tenuto conto delle effettive condizioni economiche e patrimoniali di quest’ultima, all’esistenza di ipotesi di conflitto di interessi, reale o potenziale, ed in genere ad ogni altro evento rilevante per la vita sociale».